Foniatria
Logopedia

 

La voce del cantante – I° volume

Attraverso un ideale colloquio col lettore, l’autore propone numerosi contributi di specialisti della foniatria artistica e di personalità del mondo musicale, gran parte dei quali presenti al convegno “I disturbi della voce artistica”, svoltosi nel Teatro Alighieri di Ravenna nel novembre 1999, che formano un corpus caleidoscopico sullo stato dell’arte del dialogo tra foniatria e arte vocale. Per la prima volta in unico testo vengono affrontati temi inerenti la vocalità artistica, lirica e leggera, sia in senso didattico-pedagogico e musicologico, sia dal punto di vista fisico-acustico, fisiopatologico. clinico-diagnostico e chirurgico-riabilitativo. Si va dalla filogenesi del canto alla fisiologia dei registri laringei nei vari stili di canto, dalla storia della didattica alle patologie laringee e respiratorie in relazione all’attività canora. Una sezione di interventi è dedicata al pensiero di alcuni affermati maestri di canto di vari generi musicali e a interviste a celebri cantanti (Freni, Kabaivanska, Ghiaurov, La Scola, Matteuzzi, Dessì, Pausini, Pizzi ed altri ancora). Sono inoltre presenti capitoli inerenti le più recenti acquisizioni di semeiotica strumentale, la terapia farmacologica e il razionale terapeutico per il cantante, la terapia termale, gli aspetti fonochirurgici e il punto di vista di alcuni tecnici di logopedia che si occupano di voce artistica.

Contributo di: Oskar Schindler, Franco Fussi, Maria Elena Berioli, Silvia Magnani, Mario Rossi, Franco Ferrero, Giovanna Cantarella, Marco Gilardone, Massimo Borghese, Giuseppe Mita, Vladimiro Armaroli, Giancarlo Landini, Marco Beghelli, Giovanna Canetti, Sherman Lowe, Shawna Farrell, Gianpaolo Mignardi, Paola Cadonici, Tiziana Fuschini, Marina Bertocchi, Anna Capovilla, Federica Calvi, Stefania Porcaro ed altri. Anno di pubblicazione 2000 Volume di 381 pagine, con immagini a colori.

La voce del cantante – II° volume

Il secondo volume della collana “La voce del cantante”, racchiude gli Atti del II Convegno di Foniatria “La Voce Artistica” svoltosi al Teatro Alighieri di Ravenna nel 2001. L’esperienza poliedrica del prof. Franco Fussi in tema di foniatria artistica ha permesso il connubio e il dialogo tra discipline molto diverse tra loro. Come per il primo volume si alternano anche qui capitoli di stretto interesse tecnico vocale ad altri inerenti la fisiopatologia ed il trattamento dei disturbi della voce professionale cantata. In particolare, in questo volume, vengono considerate le figure del foniatra e del logopedista in rapporto alle esigenze del Teatro in musica, con contributi di Sergio Segalini, Anna Oxa, Raina Kabaivanska, Massimo Sardi, Richard Barker. Particolare spazio è dedicato alla semeiotica e patologia del canto, con indicazioni alla fonochirurgia, come anche agli aspetti psicofisici e posturali della riabilitazione (interventi di Bruno Coulombeau, Maurizio Accordi, Paolo Santoni, Andrea Beghi, ecc.). Gli aspetti relativi agli stili del canto sono concentrati sul “recitar cantando”, sulla vocalità “belting”, sulle emissioni multifoniche e sul falsetto professionale (con capitoli a cura di Jo Estill, Shawna Farrell, Mario Rossi, Michael Aspinall, ecc.). In appendice: protocolli di valutazione laringoscopica e acustica della voce.

Volume di 445 pagine – Formato 17 x 24 cm – Anno Pubblicazione 2003

La voce del cantante – III° volume

Le scienze mediche studiano ed indagano il canto in modo non molto diverso da come hanno indagato la voce non cantata. Quando hanno voluto approfondire gli aspetti di canto hanno largamente operato con una opinion based medicine, mutuando largamente da teoremi non scientifici di artisti e di personaggi a loro correlati. L’esplosione della tecnologia ha consentito: a) la visione diretta della laringe anche senza grossolane interferenze con le sue funzioni più fini. b) l’analisi elettroacustica della vocalità. c) la correlazione fra strutture anatomiche e fenomeni fisici non solo acustici ha modificato notevolmente le nostre conoscenze. Franco Fussi ha avuto il grande merito di coagulare le conoscenze che foniatria, cantanti e quant’altri avevano per costituire un corpus dottrinale ed operativo: dai primi incontri e congressi da lui organizzati è stato fatto un grande cammino facilmente documentabile nei primi tre volumi sulla voce del cantante. In particolare si manifesta un rigore progressivo nella tassonomia delle varie forme di canto, degli strumenti e metodiche di analisi, delle tecniche educative. Questo terzo volume della collana approfondisce in particolare temi quali: la valutazione foniatrica e la riabilitazione logopedica del cantante, la respirazione nel canto e il concetto di “maschera”, le patologie della voce cantata e gli effetti di alcune patologie cordali sul canto, la fonochirurgia e le caratteristiche di alcuni generi vocali: lirico, corale, gospel, blues, oltre ad alcuni metodi quali il metodo Funzionale di Rohmert, il Voice-Craft e il Tomatis. Con interventi di illustri foniatri e cantanti.

Anno di pubblicazione 2005

La voce del cantante – IV° volume

Prosegue la collana dedicata alla voce professionale artistica a cura del prof. Fussi, accreditata dal prof. Schindler come unico esempio italiano di reale integrazione tra arte e scienza nel campo della vocologia artistica. In questo quarto volume vengono affrontati nuovi argomenti scientifici quali il protocollo foniatrico-logopedico di valutazione del cantante, un nuovo metodo di valutazione del costo vocale (come rapporto tra fonetog rafia e partiturografia), le correlazioni tra canto e parametri elettroacustici di perturbazione della voce, le implicazioni sulla voce artistica nelle alterazioni?cervicali e nei problemi temporo-mandibolari, il counseling al paziente artista. Sono analizzati i rapporti con altre discipline quali la psicologia, la psichiatria, la sessuologia, la fisiatria, la gastroenterologia, l’endocrinologia. L’excursus nel campo della didattica e della riabilitazione analizza in questo volume i metodi Wilfart, Borragan, Schlafforst-Andersen, il Rolfing e la tecnica Alexander. Vengono anche approfonditi temi quali la classificazione delle voci, l’utilizzo delle metafore e le funzioni laringee viste nell’ottica della didattica, i rapporti tra fisiologia ed espressività della voce attoriale, la fonetica applicata al canto, i rapporti tra medicina dell’arte e medicina del lavoro. Conclude il volume una serie di interviste a celebri artisti del panorama lirico italiano.

La voce del cantante – V° volume

Prosegue la raccolta dei contributi proposti nelle varie edizioni del convegno “La Voce Artistica”, appuntamento di tradizione nazionale per tutti coloro che si occupano dei problemi della vocalità artistica.
Da questo volume la collana si arricchisce di capitoli derivati da estratti delle tesi più meritevoli del Corso di Alta Formazione in Vocologia Artistica dell’Università di Bologna con sede a Ravenna.
In questo nuovo tomo vengono affrontati alcuni temi innovativi della respirazione negli artisti, le relazioni tra gli squilibri della postura, il diaframma e l’articolazione temporo-mandibolare,  
l’analisi di registri specifici come il vocal fry e il falsetto.
Diversi capitoli sono dedicati a varie esperienze riabilitative logopediche in merito alla rieducazione del cantante.
E’ inoltre esaminata la tipologia vocale del contralto, e affrontate le problematiche dell’artista di coro e del musicista di strumenti a fiato.
Vengono inoltre indagati alcuni generi vocali specifici come il canto pop, il musical, il canto popolare, il canto sacro; sono forniti alcuni aggiornamenti sulle tecniche strumentali di indagine 
clinica e vengono affrontati alcuni temi relativi all’assunzione di farmaci tradizionali e alternativi, e al doping nell’arte vocale.
Volume di 615 pagine, completo di tantissime immagini e grafici a colori.

La voce del cantante – VI° volume

Contiene gli atti del convegno del 2009.
Dvd allegato.

La voce del cantante – VII° volume

Contiene gli atti del convegno del 2010.

La voce del cantante – VIII° volume

“La voce del cantante” Volume Ottavo non è un libro ma la raccolta digitale (video in streaming e file consultabili direttamente dalla tua area riservata sul sito www.voceartistica.it) degli Atti del VIII Convegno Internazionale “La Voce Artistica”, svoltosi al Teatro Alighieri di Ravenna nell’ottobre 2011 a cura dell’Azienda USL di Ravenna e della Fondazione Ravenna Manifestazioni e delle tesi più meritorie del Corso di Alta Formazione in Vocologia Artistica anno 2012-2013 dell’Università di Bologna (sede di Ravenna).

La voce del cantante – IX° volume

“La voce del cantante” Volume Nono non è un libro ma la raccolta digitale (video in streaming e file consultabili direttamente dalla tua area riservata sul sito www.voceartistica.it) degli Atti del IX Convegno Internazionale “La Voce Artistica”, svoltosi al Teatro Alighieri di Ravenna nell’ottobre 2013 a cura dell’Azienda USL di Ravenna e della Fondazione Ravenna Manifestazioni e delle tesi più meritorie del Corso di Alta Formazione in Vocologia Artistica anno 2013-2014 dell’Università di Bologna (sede di Ravenna).

Lo spartito logopedico

La gestione logopedica della voce cantata.

Franco Fussi e Silvia Magnani. Omega Edizioni.

L’arte vocale

Fisiopatologia ed educazione della voce artistica.

Franco Fussi, Silvia Magnani Omega edizioni.

Le voci di Puccini

“Le voci di Puccini – Un’indagine sul canto” di Marco Gilardone e Franco Fussi.

Le parole della scena – Glossario della voce del cantante e dell’attore

Franco Fussi – Silvia Magnani

Il progetto di redigere un glossario sottende la delirante idea che, nell’impossibilità di dare ordine alla realtà, si possano almeno ordinare e significare le parole che la definiscono. La sua stesura a quattro mani fa riemergere lati patologici della personalità, quali l’attitudine ossessiva (un termine non è mai abbastanza esplicitato, da cui continue implementazioni e rielaborazioni nella stesura), l’atteggiamento compulsivo (è difficile allontanarsi dalla pagina che si sta scrivendo, pena la sua incompletezza), l’impulsività (c’è sempre un lemma che può essere aggiunto, con la ricorrente domanda su quale sia il limite ultimo da imporsi). Forse è per questo che da ragazzi abbiamo rinunciato all’impresa (la giovinezza ha bisogno di conferme, non di situazioni problematiche) e solo ora abbiamo dato forma a un’idea nata più di 20 anni fa. In questa età della vita ci siamo sentiti pronti: non ancora tanto vecchi da temere mesi di studio, vecchi abbastanza per non vergognarci dell’intrinseca incompletezza del lavoro. Sì, perché qualsiasi “ordinamento”, qualsiasi “elenco” è di per se stesso incompleto, cantiere aperto di lemmi nuovi, dimenticati, riscoperti. Un glossario di termini relativi alla voce nell’arte deve però andare fiero di questo, perché è il segno di una scienza che vive, che non ha concluso la propria parabola, che ancora desidera e attende. La sua incompletezza infatti è una prova di fiducia nella voce, perché nulla più della voce è tanto connaturato all’umano e, come l’umano, aperto al futuro. Il Dio ebraico, creando per il popolo il linguaggio, tracciò solo i segni consonantici, così che il dono risultasse incompiuto e obbligasse l’uomo a introdurre i suoni vocalici, rendendolo così, nella sua lungimiranza, partecipe della creazione. È per questa ragione che la recitazione e il canto permettono di unirsi all’origine, dando voce alla nostalgia di una completezza che sfugge, alla mancanza che è dell’oggi, a quella sublime imperfezione che è la vita.

Omega edizioni
ISBN: 978-88-7241-542-9
Anno di pubblicazione: 2010

Ascoltare la voce

Itinerario percettivo alla scoperta della qualità della voce

Silvia Magnani

Nonostante lo sviluppo delle metodiche di indagine strumentale sia ottica che acustica, la valutazione della voce, in senso clinico e in senso estetico, non può rinunciare al giudizio individuale fondato sul dato percettivo. La voce, prima ancora di poter essere giudicata sana o malata, è un evento che colpisce i sensi, genera emozioni, che, se fa nascere immagini che aiutano il clinico a porre la propria diagnosi, lo confrontano con la difficoltà di dare parole a ciò che è certo di avere udito ma per il quale non trova un’immediata collocazione nella terminologia scientifica.
La materia di cui è fatta la voce necessita ell’orecchio umano per essere valutata, salvo poi accorgersi che al linguaggio mancano le parole per esprimere ciò che la mente ha così bene e preventivamente compreso. È il destino di tutte le conoscenze simboliche. Immediatamente esplicite al soggetto, immesse nella fredda logica sequenziale del linguaggio, soffrono dei vincoli di questo e le parole si dimostrano contenitori inefficaci.
Questo libro costituisce una valida proposta per l’istituzione di una semantica vocale. Esso, attraverso un’attenta analisi del fenomeno percettivo, getta le basi per la formalizzazione di un vocabolario condivisibile che può garantire la collaborazione tra chi cura la voce e quanti ne fanno oggetto di arte, di ricerca estetica ed espressiva o semplicemente strumento di lavoro.

Franco Angeli Editore
Il volume è corredato da un cd audio con esempi vocali.

La parola e il canto

di Mario De Santis e Franco Fussi

Edizioni Piccin
Padova, 1993